30/03/2012

Proposta di legge controlli interni

Le forti inefficienze, gli sprechi, i costi della politica, le inquietanti cifre del costo della corruzione nel nostro Paese, sono fenomeni sempre più evidenti anche nella cronaca di questi giorni e tanto più inaccettabili in un periodo di crisi economica. Se si considera che il settore pubblico genera oltre il 60% del PIL nazionale, è facile comprendere quanto una corretta gestione della cosa pubblica sia un fattore assolutamente determinante per il rilancio economico. In questa ottica, la Fondazione ha elaborato una proposta di legge per il riordino e l'armonizzazione dei sistemi di organizzazione e controllo del comparto pubblico, che è stata presentata lo scorso 2 marzo in un Convegno svoltosi presso la Camera dei Deputati, cui hanno partecipato esperti, professionisti del settore, studiosi, magistrati della Corte dei Conti. La proposta, risultato di un anno di lavoro, tiene conto delle migliori "pratiche" nazionali sia delle discipline normative esistenti in paesi all'avanguardia in materia. Ma occorre soprattutto creare una "cultura" organizzativa e del controllo attraverso la formazione, elevando i livelli di competenza e di produttività delle risorse umane coinvolte nei processi amministrativi. La proposta di legge interviene cioè sulla struttura e sulla cultura degli enti per renderli "più forti" rispetto ai rischi, alle minacce, alla corruzione. La Fondazione in questi giorni sta sottoponendo la proposta di legge ai più alti organi di governo e delle istituzioni, riscontrando grande interesse. Chiediamo anche ai nostri amici e simpatizzanti di inviarci le loro proposte, commenti e suggerimenti (scriveteci a fondazione@lab-pa.com). Il contributo di tutti è indispensabile per la riuscita dell'iniziativa. Roberto Piccinini Vicepresidente 30 marzo 2012: la Fondazione presenta al Presidente della Camera Fini la proposta di legge.

Scarica il comunicato stampa

 

Scarica la sintesi della proposta  

 

Scarica la proposta di legge  

 

Scarica Articolo esplicativo a cura del Vicepresidente dott. R. Piccinini